Ora sei qui: Home

Freccia

Home


 
Benvenut@ nel sito della FP CGIL Teramo

A nome mio personale, della Segreteria Provinciale e degli oltre 2000 iscritti alla categoria territoriale, ti auguro una buona navigazione. In provincia di Teramo organizziamo le lavoratrici ed i lavoratori delle Autonomie Locali, delle Ipab, della Sanità pubblica e privata, dello Stato e del Parastato, dell’Igiene ambientale, i Vigili del Fuoco, i lavoratori della Polizia Penitenziaria, del settore Socio sanitario assistenziale educativo e delle strutture private di accoglienza per anziani.

Il Segretario Generale.
 
 
  
       
        
     _____________________________
 
      PER SEGUIRE LA FP CGIL TERAMO SUI SOCIAL NETWORK,
METTI MI PIACE SULLA PAGINA FACEBOOK
 
 

IN PRIMO PIANO

 


18.05.19 - COMUNI DEL CIRSU: quale futuro per i lavoratori? (comunicato stampa)

FPCGIL – FEMCACISL
Segreterie Provinciali Teramo

Comunicato Stampa

Senza strumenti di sostegno al reddito è sempre più cupo il destino degli ex lavoratori dipendenti del Consorzio Stabile Ambiente S.c.a.r.l. che ha gestito il polo tecnologico CIRSU dal 2014 al 2017.


...leggi tutto



NEWS


29.06.19 - TE. AM. Teramo: il gioco delle 3 carte! (comunicato stampa)

 

Teramo lì 29/06/2019 

Te. Am.: il gioco delle 3 carte.

 Da mesi cerchiamo una interlocuzione con i vertici della Te.Am., i problemi sono sotto gli occhi di tutti, dalla manutenzione dei mezzi oramai molti da rottamare, alla situazione del personale operativo, con pensionamenti e non riassunzione dei tempi determinati, il rischio  concreto e  che quest’anno salti il piano ferie, circuiti dove da tempo si discute di una loro riorganizzazione ma a tutt’oggi niente di concreto.


...leggi tutto





" Abbiamo sempre cercato di parlare ai lavoratori come a degli uomini, di parlare al loro cervello e al loro cuore, alla loro coscienza. In questo modo il sindacato è diventato scuola di giustizia, ma anche di democrazia, di libertà, ha contribuito a elevare le virtù civili dei lavoratori e del popolo." 
Tratto dal saluto di Luciano Lama all' XI Congresso della Cgil (1986).